I circuiti di binario

Nelle stazioni e nelle altre località di servizio, al fine di verificare la presenza o meno di un treno su una parte di binario, i binari sono suddivisi in sezioni elettricamente separate fra di loro mediante giunzioni isolate. In ogni sezione una rotaia è "messa a terra" e costituisce, nelle linee a trazione elettrica, anche il circuito di ritorno della corrente di trazione, mentre l'altra è isolata ed è alimentata dalla cabina degli apparati di sicurezza con corrente continua o alternata a basso voltaggio. Le rotaie isolate si alternano a quelle "a terra" nelle varie sezioni di binario. Ogni sezione è detta "circuito di binario" o c.d.b..
La parte isolata di una rotaia in corrispondenza delle giunzioni è segnalata dal lato "rosso" del picchetto speciale, quella messa a terra dal lato "giallo".

L'isolamento è normalmente ottenuto attraverso le traverse di sostegno del binario in legno o c.a.p. (cemento armato precompresso). Nelle linee elettrificate, la rotaia a terra viene collegata a massa presso la sottostazione elettrica, costituendo il circuito di ritorno della corrente T.E.. Anche i pali della linea TE sono collegati alla rotata "a terra" del binario adiacente.

Sulle linee con blocco automatico e ripetizione segnali continua, nonché ove esistono particolari circuiti codificati, entrambi le rotaie sono isolate sia fra di loro che rispetto alla terra. In questo caso i c.d.b. sono alimentati con corrente alternata. Il collegamento per il ritorno della corrente elettrica di trazione avviene mediante circuiti induttivi che permettono il solo passaggio della corrente continua di ritorno mentre impediscono quello della corrente alternata isolando così un c.d.b. dal successivo. Ovviamente nelle nuove linee con alimentazione a 25 kV ~, sono stati realizzati altri accorgimenti che distinguono il ritorno della corrente alternata di trazione (a 50 Hz) rispetto a quella dei c.d.b. (a frequenze diverse).

La presenza di un veicolo ferroviario su una determinata parte di binario provoca, mediante le ruote e gli assi dei veicoli, il cortocircuito della rotaia isolata (e alimentata) con quella messa a terra segnalando, in tal modo, agli apparati ed in cabina l'occupazione di tale tratto. Ovviamente il circuito si può "occupare" anche a seguito di guasti.

I c.d.b. possono avere varie funzioni:

Ovviamente un c.d.b. può avere una o più delle funzioni suddette.


Vai ad inizio pagina