Apparati Centrali Computerizzati

La pagina non contiene norme ma solo indicazioni impiantistiche pertanto attualmente
i contenuti di questa pagina SONO AGGIORNATI.

Esempio di itinerario con c.d.b. escluso da D.M.

Nell'immagine che segue si può vedere un itinerario di partenza comandato interessante un c.d.b. "escluso" dall'apparato dal DM (Es/DM su cdb 62). Il bloccamento del punto origine dell'itinerario è stato ottenuto mediante l'utilizzo della funzione Tx ed è stato possibile anche attivare il segnale di avvio.

Vediamo come siamo pervenuti a questa fase.

 

Esclusione di un ente

Gli apparati ACC permettono di "escludere" qualunque ente di stazione (eccetto il solo segnale di avviso isolato) dall'apparato. Un ente escluso viene considerato dall'apparato come guasto. In caso di comando di itinerario o istradamento con un ente escluso l'apparato si comporta come se tale ente fosse guasto eccetto per i deviatoi del percorso e per i segnali bassi comunque incontrati nel percorso (compreso quelli incontrati "di spalle"). In questi ultimi casi gli itinerari sono totalmente inibiti (non si ha neanche la registrazione del comando).

 

Perché escludere un ente

L'esclusione può essere effettuata:

  1. per necessità del Dirigente Movimento (Es/DM);
  2. per necessità degli agenti della manutenzione (EsIS o Es/St);
  3. per entrambi i casi suddetti.

Un ente escluso per necessità del DM si manifesta sul QLv di colore marrone lampeggiante.

Fra le "necessità" del DM si possono elencare quelle "obbligatorie" e quelle determinate dall'attività lavorativa.

Il DM deve escludere obbligatoriamente un ente:

Negli altri casi è opportuno che il DM escluda gli enti:

 

L'attività manutentiva sugli enti di stazione (escluso i segnali di avviso isolati) viene svolta preferibilmente mediante l'uso della funzione EsIS o "Esclusione stabilizzata". Tale funzione viene attivata mediante richiesta da parte dell'AM tramite il proprio terminale manutentore posto nella ex sala relè (potremmo ora chiamarla "sala impianti tecnologici") e conferma del DM mediante la tastiera funzionale.

Un ente in esclusione stabilizzata si manifesta sul QLv di colore marrone fisso.

L'ente escluso in EsIs può essere reincluso solo mediante intervento sia dell'AM che del DM.

 

Quando le suddette due necessità si manifestano insieme, un ente può essere escluso sia per necessità del DM (Es/DM) che dell'AM (EsIS).

In caso di esclusione contemporanea l'ente si manifesta sul QLv di colore magenta fisso.

 

Esempio di itinerario con c.d.b. escluso da DM

La prima operazione da eseguire sempre (salvo, ovviamente, quando il DM deve astenersi dal comandare itinerari per interruzioni in atto o altri casi similari), è - appunto - comandare l'itinerario interessato.

Questo si fa con la sequenza:

It   0 4 0 6   Inv

L'avvenuta registrazione dell'itinerario è evidenziata con:

 e garantisce che:

A seguito del comando di itinerario si ha anche il comando degli enti (deviatoi, scarpe, PL) del percorso - non altrimenti bloccati - nella posizione richiesta.

 

A questo punto l'apparato verifica la libertà della via ovvero:

 

Nel nostro caso manca proprio una delle suddette condizioni ovvero un c.d.b. di percorso (il c.d.b. n° 62) è in "esclusione DM". Tale condizione, come per i guasti, si supera con la funzione "Tx" da comandare solo dopo aver preso le precauzioni richieste dalle norme in caso di guasto del c.d.b..

Il superamento della condizione mancante si ha con il comando da TF:

 

It 0 4 Cdb 6 2 Tx Inv

Con tale sequenza, non esistendo altri impedimenti a questa fase, si ha il bloccamento del percorso che si manifesta:

 

Dopo questa fase l'apparato provvede alla verifica degli enti del percorso ovvero che questi abbiano assunto la posizione richiesta e siano efficienti.

Se quanto sopra è verificato si ha il bloccamento del punto origine che si manifesta:

Inoltre se null'altro si oppone alla manovra del segnale, lo stante (palo) di questo si accende a luce bianca lampeggiante che indica che il segnale è manovrabile a seguito di funzione di soccorso Tx.

 

Per le partenze, inoltre, se esiste la via libera di blocco elettrico, si ha l'accensione a luce blu fissa del segnale di avvio.

 

Torna ad inizio pagina