SCMT - GUASTI AL SISTEMA

I contenuti della pagina sono aggiornati al 05.05.2013.

Anormalità al SCMT

Le apparecchiature SCMT di bordo (cabina di guida) possono rilevare due tipi di anormalità: quelle allo stesso Sottosistema di Bordo (SSB) e quelle al Sottosistema di Terra (SST). Le anormalità al SST devono essere comunicate al regolatore della circolazione (DM/DCO) in occasione della prima fermata. Se l'anormalità al SST comporta l'arresto del treno, l'agente di condotta deve ricevere dal DM/DCO opportuni ordini per il proseguimento.

 

sEGNALAZIONI DI GUASTO DEL SOTTOSISTEMA DI BORDO

In tutti i casi di guasto/anormalità al sottosistema di bordo in corso di viaggio che richiedano l'esclusione dello stesso, quando è ammesso proseugire la marcia, l'agente di condotta deve darne comunicazione registrata al regolatore della circolazione che dovrà dare conferma, sempre con comunicazione registrata. In questi casi il treno proseguirà la corsa non superando comunque la velocità massima di 50 km/h per tutto il percorso.

 

Segnalazioni di guasto a terra in cabina di guida

In caso di anormalità rilevate al SST qualunque messaggio di errore viene mostrato nel display SCMT solo a treno fermo.

    Codice errore ricevuto sul display di bordo all'arresto del convoglio.

 

Significato dei codici:

Per ulteriori curiosità sui codici errore per guasto a terra si veda a fine pagina.

 

Anormalità che comportano l'arresto del treno

Fra i codici di errore (CE) imperativi che comportano l'arresto del treno si evidenziano i seguenti:

A questi due codici si aggiunge la segnalazione di Supero Rosso (SR) che può essere paragonata ad un codice di errore in caso di anomala sequenza RSC o di superamento di segnale a via libera (si tenga presente che avvicinandosi ad un segnale la visibilità di questo viene a mancare negli ultimi metri e pertanto un segnale precedentemente disposto a via libera potrebbe improvvisamente essersi disposto a via impedita nel mentre che la testa del treno lo stava per superare).

ICONA Significato

Indica un superamento di segnale di 1ª ctg. a via impedita dovuto a:

  • mancato rispetto della segnalazione di arresto (SPAD) o intempestiva disposizione a via impedita dello stesso;
  • ricevimento di una sequenza di codice RSC (75-AC) non autorizzata;
  • guasto/anormalità ai PI dei segnali di 1ª ctg.

In ogni caso si attiva la funzione di frenatura di urgenza fino all'arresto del treno (funzione TRAIN-TRIP).

A seguito di arresto del treno con accensione di questa icona, il macchinista non può riprendere la corsa senza autorizzazione del DM/DCO/AG. Il macchinista deve comunicare l'anormalità con apposito dispaccio specificando la «VISUALIZZAZIONE DELL'ICONA "TRAIN-TRIP"». 

 

Dopo l'arresto il macchinista non deve mai riprendere la corsa di iniziativa!!! ma deve avvisare il DCO o il DM che comanda il segnale (il DM della stazione successiva se questo avviene in linea) dell'anormalità con una delle seguenti formule:

In caso di fermata in precedenza ad un segnale di 1ª categoria il macchinista preciserà inoltre a voce, su richiesta del DM/DCO/AG, se tale segnale è disposto a via libera o meno. È inoltre opportuno comunicare verbalmente al DM/DCO il numero completo del rotabile di testa (gruppo e serie o numero vettura pilota; es.: E656 012, ALe 803.205, 508380780124).

È molto importante che il macchinista non riprenda mai la corsa di iniziativa. Ad esempio, l'attivazione dell'icona di TRAIN-TRIP (icona "SR") potrebbe essere dovuta non ad un guasto del sottosistema di terra del SCMT bensì:

In tali casi il SCMT ha fatto "egregiamente" il suo lavoro ed il mancato rispetto delle norme per la ripresa della corsa provoca un ulteriore "SPAD" a carico del PdC.

La logica del sistema prevede che in questi casi il treno debba essere "accompagnato" fino al ricevimento di un successivo PI di SCMT ovvero fino alla riaccensione a luce blu del pulsante SCMT del cruscotto. Per fare questo il DM/DCO deve:

  1. In caso di arresto in precedenza ad un segnale di 1ª categoria disposto a via libera prescrivere al macchinista di "Rispettare l'indicazione del segnale."

  2. In caso di arresto in precedenza ad uno dei seguenti segnali prescrivere al macchinista di "Rispettare l'indicazione del segnale.":

    1. un segnale di PBA senza lettere luminose comunque disposto;

    2. un segnale di PBA con lettera luminosa disposto a via libera o a via impedita con lettera "P" accesa a luce fissa o lampeggiante;

    3. un segnale di PBI disposto a via libera o a via impedita con lettera "A" accesa a luce fissa o lampeggiante.

  3. In caso di arresto ad un segnale di protezione o partenza di un posto disabilitato ed impresenziato disposto a via libera o a via impedita con lettera "P", "D" o "A" accesa a luce fissa o lampeggiante prescrivere al macchinista di "Rispettare l'indicazione del segnale."

  4. In caso di arresto ad un segnale di PBI o PBA a via impedita con lettera luminosa spenta o ad un segnale di protezione o partenza di un posto disabilitato ed impresenziato disposto a via impedita con lettera spenta prescrivere al macchinista di superarlo attenendosi alle norme comuni in superamento di uno dei suddetti segnali a via impedita.

  5. In caso di arresto in precedenza ad un segnale di 1ª categoria di protezione o partenza di un posto di servizio presenziato o telecomandato disposto a via impedita dettare/consegnare al treno le prescrizioni per la ripresa della marcia per il superamento a via impedita per guasto del segnale (in caso di segnale di partenza deve verificare anche che esistano o meno le condizioni di linea ovvero la libertà del blocco, il consenso di chiusura dei PL di linea, il controllo dei deviatoi di linea, ecc.).

  6. In caso di arresto sull'itinerario di arrivo/partenza di un posto di servizio dettare/consegnare al treno le prescrizioni per la ripresa della marcia come in caso di superamento a via impedita per guasto del precedente segnale che comandava l'itinerario (in caso di segnale di partenza deve verificare anche che esistano ancora o meno le condizioni di linea ovvero la libertà del blocco, il consenso di chiusura dei PL di linea, il controllo dei deviatoi di linea, ecc.).

  7. In caso di arresto in linea fra due cippi chilometrici non in corrispondenza di un segnale:

    1. Sulle linee con Bca/Bem: autorizzare il proseguimento del treno fino al successivo segnale dopo che il DM/DCO si sia accertato che il tratto di linea fino al successivo posto di servizio sia libero da treni e prescrivendo, se occorre, la marcia a vista sui PL che il treno eventualmente incontrerà e la fermata in corrispondenza degli eventuali deviatoi in linea;

    2. Sulle linee con BA: autorizzare il proseguimento del treno fino al successivo segnale con marcia a vista e prescrivendo, se occorre, la marcia a vista sui PL che il treno eventualmente incontrerà e la fermata in corrispondenza degli eventuali deviatoi in linea;

    3. Nel caso eccezionale che fra i due cippi indicati dal macchinista sia presente un segnale di PBI/PBA ed il macchinista non sappia accertare se lo ha superato o meno: prescrivere al treno di procedere con marcia a vista fino al secondo cippo chilometrico indicato dal macchinista o fino al successivo segnale se incontrato prima di tale cippo chilometrico. Prescrivere inoltre, se occorre, la marcia a vista sui PL e la fermata in corrispondenza degli eventuali deviatoi in linea esistenti fra i due cippi segnalati. Dopo essere giunti al secondo cippo o ad un segnale di PBI/PBA il macchinista chiederà al DCO/DM ulteriori prescrizioni per il proseguimento. Il DM/DCO si atterrà ai casi sopra spiegati (vedi punti 1, 2, 3, 4, 5, 7a o 7b).

 

Ritengo utile ribadire che lo scopo della suddetta procedura è di accompagnare il treno fino ad un PI in modo di riprendere la catena degli appuntamenti.

Ricordo infine che in caso di intervento della frenatura per supero della velocità massima ammessa non si attivano icone sul display bensì:

 

Anormalità che non comportano l'arresto del treno

In caso di anormalità che non comportano l'arresto del treno, la segnalazione di errore si manifesterà sul display di bordo solo alla prima fermata del treno (quindi anche decine di chilometri oltre il punto ove è stato rilevato il guasto).

In questo caso il macchinista si limiterà a segnalare al DM/DCO della prima stazione utile l'anormalità con modulo M.40a con la formula: "SCMT: guasto a terra CT ...-...-..., PC ..., CE ... .".

Il DM/DCO si limiterà a trasmettere tale segnalazione tale e quale all'agente della manutenzione designato al ricevimento di tali notizie.

 

Codici errore per guasto a terra

Per i più curiosi si riporta il significato di alcuni codici errore specie per quelli relativi a probabili guasti a terra. Alcuni termini sono molto tecnici e neanche io so darvi al momento una spiegazione più chiara. Chi mi vuole aiutare... Esistono due tipi di processori a seconda della azienda costruttrice del sottosistema di bordo. Per non citare nomi li chiamerò "tipo 1" E "tipo 2". In entrambi i casi i codici errore primari sono uguali mentre quelli eventuali secondari sono numerici nel primo caso e letterali nel secondo.

Quanto sotto riportato ha il solo scopo di dirimere qualche curiosità tecnica senza pretesa di voler dare spiegazioni esatte. Tali spiegazioni non possono quindi essere utilizzati per altri scopi diversi dalla "passione" per il mondo ferroviario!!!

Codice errore
processore tipo 1
Codice errore
processore tipo 2
Significato e note (*)
1 1 Guasto a bordo: errore tabelle Kr
2 2 Guasto a bordo: errore tabelle PGOS
3 3 Guasto a bordo: errore roll away
4 4 Guasto a bordo: errore RSC non disinserita
5 5 - -
6 6 Guasto a bordo: errore RSC non inserita
7 7 - -
8 8 Guasto a bordo: errore PdC RSC
9 9 Guasto a terra: errore sequenza codici RSC
10 10 Guasto a terra: errore di itinerario (*)
11.01÷09 11.DI, 11.DJ Guasto a terra: errore di appuntamento (dopo) (*)
11.05 o 11.06 11.DI Guasto a terra: PERSO P.I. (simile al codice 37)
12.00 12 Guasto a terra: errore di appuntamento (prima) (*)
13.01÷05 13 Guasto a terra: errore appuntamento rallentamenti
14.nn 14.xx Guasto a terra: errore consistenza dati verso normal (*)
15.nn 15.xx Guasto a terra: errore consistenza dati verso non noto (*)
16.nn 16.xx Guasto a terra: errore consistenza dati verso reverse (*)
17.00 17 Guasto a terra: errore versione software (*)
18.00 18 Guasto a terra: PERSO P.I. COMPLETO (precedente)
19.01 19.CY Guasto a terra: telegramma di default (guasto encoder o cavi)
19.02 19.CZ Guasto a terra: Telegramma non leggibile (guasto boa)
19.03 19.DA Guasto a terra: telegramma non ricevuto (boa guasta o assente)
20 20 Guasto a bordo: errore No TF
21 21 Guasto a bordo: errore test cabina
22 22 Guasto a bordo: errore canale odometrico
23 23 Guasto a bordo: errore canale RSC
24 24 Guasto a bordo: errore canale RSC
25 25 Guasto a bordo: errore canale RSDD
26 26 - -
27 27 Guasto a bordo: errore EP freno
28 28 Guasto a bordo: errore frenatura emergenza
29 29 Guasto a bordo: errore piastra
30 30 Guasto a bordo: errore modulo ridondato
31 31 Guasto a bordo: errore tasto
32 32 Guasto a bordo: errore DIS non presente
33 33 Guasto a bordo: errore test EV
34 34 Guasto a bordo: errore test interno
35 35 Guasto a bordo: errore test interni non vitale
36 36 Guasto a bordo: errore test tachimetri
37.01,03,05,07,08,09 37.DI, 37.DJ Guasto a terra: perso appuntamento vitale (arresto treno)
38 38 - -
39.00 39 Guasto a terra: due PI consecutivi non integri (arresto treno)

(*):   Molti dei codici indicati, specie quelli evidenziati con l'asterisco, possono manifestarsi solo immediatamente dopo l'attivazione di un nuovo tratto attrezzato con SCMT altrimenti sono sintomo di un guasto al SSB. In generale la segnalazione di errore ad un PI limitata ad un solo treno è sintomo di una anormalità al SSB e non al SST. In ogni caso i tecnici della manutenzione RFI effettuano verifiche per verificare la veridicità della segnalazione data dal SSB di un rotabile. In grassetto i codici errore per presunto guasto a terra che hanno maggiore probabilità di manifestarsi.