Il sistema abilitativo di R.F.I.

Pagina aggiornata al 23.01.2016.

0. Introduzione

Nell'anno 2013, RFI, in seguito alle nuove definizioni delle "attività di sicurezza"  (nuovo sistema abilitativo) definite dall'allegato C del Decreto ANSF 4/2012 ha revisionato il sistema abilitativo del personale che svolge mansioni attinenti alla sicurezza dell'esercizio ferroviario.

Per essere ammesso a frequentare i corsi abilitativi (frequenza obbligatoria) e gli esami di abilitazione (ben quattro: test scritto, esame orale, addestramento pratico e tirocinio pratico) occorre possedere una serie di "requisiti minimi":

  1. idoneità psico-fisica rilasciata da un medico di una Unità Sanitaria Territoriale di RFI (requisito non richiesto per la attività MV, per la attività C sono richiesti ulteriori requisiti stabiliti da specifiche leggi dello stato);
  2. aver costituito un rapporto di lavoro in base alle leggi italiane e dai contratti collettivi in vigore;
  3. conoscenza della lingua italiana attestata dall'aver soddisfatto l'obbligo scolastico in base alle leggi italiane (o alle corrispondenti leggi svizzere del Canton Ticino) in vigore o da un certificato rilasciato da alcune università italiane che attesti la conoscenza della lingua (Università per stranieri di Perugia o Siena o Università Roma Tre) almeno al livello B2 (requisito non richiesto per la attività MV);
  4. il possesso di eventuali abilitazioni propedeutiche.

 

A parte la "licenza di condotta europea" che è personale, i certificati abilitativi sono rilasciati dal datore di lavoro e sono proprietà di quest'ultimo.

 

 

1. Sistema abilitativo del personale non addetto alle mansioni di condotta

1.1 Riassunto delle "attività di sicurezza"

Attività di sicurezza Nome Per chi è richiesto Note
GC Gestione Circolazione    
MI Manutenzione Infrastuttura    
FT-A Formazione treni: unione e distacco veicoli    
FT-B Formazione treni: predisposizione documenti di scorta    
VE Verifica veicoli    
AT Accompagnamento treni    
MV Manutenzione Veicoli    
C Condotta Condotta di mezzi di trazione ad uso commerciale (IF) o per uso di servizio (IF/GI/Ditte autorizzate) compresi quelli utilizzati per attività di manovra e per attività di manutenzione e diagnostica dell'infrastruttura ferroviaria circolanti su binari in esercizio (non interrotti alla circolazione normale) Vedi successivi punti 2 e 3

 

 

2. Nuova licenza di guida europea per la guida di locomotori e treni sul sistema ferroviario della Comunità

Con il DLgs 247/2010 in Italia sono state recepite le norme europee per la condotta di locomotori e treni. In base a queste norme al personale di condotta saranno rilasciate delle "Licenze di guida" classificate in due categorie. Le due categorie possono essere suddivise in sottocategorie come da tabella sottostante. Il sistema, in vigore dal 14.01.2012 prevede attualmente un periodo di 5 anni per la conversione delle vecchie patenti. Le nuove licenze sono invece rilasciae con le nuove norme.

Categoria Sottocategoria A cosa abilita Note e limitazioni
A - - A1 + A2 + A3 + A4 + A5 Manovre - Mezzi di trazione di servizio
A 1 Locomotori da manovra - -
A 2 Treni adibiti a lavori (manutenzione ferroviaria) - -
A 3 Veicoli ferroviari adibiti alla manutenzione - -
A 4 Qualsiasi altro locomotore quando è utilizzato per la manovra - -
A 5 Servizi o materiale rotabile non inclusi nelle cat. A1, A2, A3 e A4. Va indicato il servizio o il mezzo speciale per il quale è valida la licenza
B - - B1 + B2 Treni commerciali
B 1 Tasporto di passeggeri - -
B 2 Trasporto di merci - -

Il personale può essere in possesso di licenza riferita anche a più sottocategorie non necessariamente complete (per esempio: A2 + A3).

 

 

3. Patenti già rilascate ad agenti addetti alla condotta di rotabili (in attesa di conversione alle nuove licenze di guida europeee

Questa parte continua a valere al massimo fino al 2017 (5 anni dalla data dell'entrata in vigore delle nuove norme europee).

Patente Nome Patenti propedeutiche Per chi è richiesta Note e limitazioni
A Messa in servizio/stazionamento dei mezzi di trazione - - Agenti incaricati della messa in servizio, presenziamento, prova e stazionamento dei mezzi di trazione Non permette la condotta dei mezzi
B Condotta delle manovre all'interno di un impianto - - Agenti incaricati della condotta dei mezzi di manovra all'interno di un impianto. Velocità massima 30 km/h

Permette di svolgere anche le attività
 della patente A
e lo svolgimento della prova del freno.

C Condotta delle tradotte circolanti tra scali della stessa località - - Agenti incaricati della condotta dei mezzi di trazione per lo svolgimento di tradotte fra scali della stessa località cioè fra impianti indicati nell'Orario di Servizio con lo stesso nome di città (es.: Roma Termini, Roma Tiburtina, ecc.). Permette di svolgere anche le attività
 delle patenti A e B
e lo svolgimento della prova del freno.
D Condotta delle tradotte circolanti tra scali di località diverse - - Agenti incaricati della condotta di automotori e locomotive di manovra per lo svolgimento di tradotte fra scali di località diverse su tratte determinate non superiori a 100 km. Velocità massima 60 km/h

Permette di svolgere anche le attività
 delle patenti A e B
e lo svolgimento della prova del freno.

E Condotta di treni su tratte determinate - - Agenti incaricati della condotta di mezzi di trazione per lo svolgimento di treni su tratte determinate. Permette di svolgere anche le attività
 delle patenti A e B
e lo svolgimento della prova del freno.
F Condotta di treni senza limitazioni di percorso - - Agenti incaricati della condotta di mezzi di trazione per lo svolgimento di treni su tutta l'Infrastruttura Ferroviaria Nazionale.

Per la condotta di treni su linee con ERTMS/ETCS L2 occorre apposita abilitazione.

Permette di svolgere anche le attività
 delle patenti A e B
e lo svolgimento della prova del freno.