SEGNALI COMPLEMENTARI ED altri segnali

I contenuti della pagina sono aggiornati al 29.06.2017.

 

Tabelle di fermata su linee attrezzate con Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) o con Sistema di Supporto alla Condotta (SSC)

Sulle linee attrezzate con il sistema SCMT o SSC, i locomotori attrezzati con tale sistema di controllo e con apparecchiatura inserita ed efficiente devono fermarsi ovvero, per i treni in partenza, devono attestarsi in corrispondenza di tale tabella nei binari ove è istallata.

                   

 


Tabelle di fermata per treni viaggiatori

I binari delle stazioni possono essere muniti di tabelle di orientamento per indicare il punto di fermata dei treni viaggiatori in relazione alla loro composizione.

Tali tabelle sono costituite da tavole quadrate suddivise in quattro quadranti, nei quali sono indicati in senso orario a partire dal quadrante in basso a sinistra, i numeri in ordine crescente riferiti ai raggruppamenti di composizione (numero di vetture) per i quali è previsto il punto di fermata. I numeri ed i colori dei quadranti hanno i significati di seguito specificati.

   

Il punto di fermata (numeri BIANCHI in campo ROSSO) può essere comune a più raggruppamenti di composizioni, ed è sempre preavvisato dalla tabella immediatamente precedente con relativo quadrante colorato in GIALLO.

Le tabelle sono ubicate in successione progressiva rispetto alla marcia del treno, lato marciapiede: la prima incontrata dal treno è posta ad almeno 100 metri in precedenza alla successiva; le altre sono distanziate tra loro a seconda dei raggruppamenti di composizioni cui si riferiscono.

In presenza di tale segnaletica, che ha solo valore informativo, il macchinista, in relazione al numero dei veicoli in composizione, dovrà arrestare il convoglio in corrispondenza della tabella di orientamento con il quadrante rosso relativo al raggruppamento di composizione che lo riguarda.
Per composizioni non coincidenti con quelle espressamente indicate dalle tabelle, il valore in campo rosso da rispettare è quello immediatamente superiore alla composizione stessa.
Per raggruppamenti di composizioni il cui quadrante risulti bianco con cifre nere crociate e comunque per composizioni superiori al numero massimo indicato sui quadranti, il macchinista dovrà attenersi alle norme comuni.

 

Tabelle di fermata per treni ETR

In alcune principali stazioni viaggiatori, sia di transito sia di testa, per facilitare l'incarrozzamento dei passeggeri nei treni ETR Eurostar, sui marciapiedi sono posti degli monitor indicanti il punto d'arresto di ciascuna vettura (numero della vettura). A tal fine la testa del treno ETR deve fermarsi in corrispondenza di un particolare punto.

Tale punto è individuato con una tabella di orientamento con fondo rosso e scritte in bianco riportati le diciture "ETR 480" o "ETR 500" per le stazioni passanti o riportanti entrambi le diciture "ETR 480 / ETR 500" per le stazioni di testa. Tali tabelle non sono precedute da tabelle di avviso. L'indicatore "ETR 480" vale anche per i treni ETR 460.

 

punto di arresto per treni ETR480/460 nelle stazioni passanti punto di arresto per treni ETR500 nelle stazioni passanti punto di arresto unico per treni ETR nelle stazioni di testa posto prima del paraurti ad opportuna distanza

 

 

Tabelle di orientamento per fermate in piena linea

Per individuare con maggior facilità il termine del marciapiede nelle fermate in piena linea sprovviste di segnalamento di 1ª categoria, viene posta la seguente tavola.

 

La tavola è preceduta, a distanza di frenatura, dalla tavola:

 

Quest'ultima, sulle linee con velocità massima superiore a 90 km/h, è a sua volta preceduta ad almeno 200 metri dalla tavola:

   

Sulle linee a doppio binario banalizzate queste tavole vengono poste sia sul binario di sinistra che su quello di destra, sulle linee a doppio binario non banalizzate vengono poste solo sul binario legale.

 

 

Tavole di orientamento per Posti di Esodo su linee AV/AC

Sulle linee AV/AC, per individuare il punto di fermata dei Posti di Esodo, è impiegata una tabella quadrata su sfondo bianco con all'interno un cerchio nero ed il nome del PdE. Questa tabella è preceduta ad almeno 500 metri (e non oltre i 600 metri) da una tabella di avviso.

   
Tavola di orientamento per Posti di Esodo Tavola di avviso alla tavola di
orientamento per Posti di Esodo 
 

 


Segnali per la prova del freno continuo

In alcune stazioni principali, dove i treni invertono la marcia, possono essere istallati su un apposito palo o sul palo del segnale di partenza (interno) degli schermi neri portanti quattro luci, normalmente spente, disposte a forma di rombo. La luce alta del segnale è inutilizzata.

Tali segnali possono proiettare una, due o tre luci bianche fisse con i seguenti significati:

Inattivo Frenare Sfrenare Prova freno terminata

L'agente di condotta, anche se ha ricevuto l'autorizzazione al movimento, non deve partire fino a quando non appare il segnale di "prova freno terminata".

 L'utilizzo di tali segnali è oramai alquanto limitato in quanto il personale è munito di telefoni cellulari ferroviari (GSM-R) e comunque ogni Impresa Ferroviaria impartisce le disposizioni organizzative ai propri agenti.

Il suddetto segnale non è riportato nel Regolamento sui Segnali in uso sull'Infrastruttura Ferroviaria Nazionale (RS) ma solo nelle Istruzioni per l'uso del freno continuo di RFI. Pertanto potrebbe non essere utilizzato dalle varie Imprese Ferroviarie.

 

Picchetti speciali

Segnala un pedale di conteggio del blocco "conta-assi"

Segnala un pedale di comando di chiusura o apertura di un passaggio a livello automatico (PLA)

Picchetto collocato negli impianti telecomandati (linee telecomandate o singoli impianti in telecomando).
Segnala il punto di fermata del primo asse del rotabile di testa di un convoglio (treno o manovra) per poter manovrare in sicurezza manualmente un deviatoio in caso di guasto al deviatoio o al sistema di telecomando o in caso di movimenti di manovra con istradamenti disposti direttamente dal personale del treno/manovra.

Segnala il punto di inizio/termine di un circuito di binario.
Dal lato giallo la rotaia è messa a terra, dal lato rosso è isolata da terra.
Per i circuiti di binario posti al termine di un binario tronco spesso il picchetto è di unico colore.

Picchetto circolare, con testa semisferica, di tipo altamente rifrangente. Indica la presenza di un punto informativo SCMT posticipato rispetto alla posizione del segnale di partenza. È posto in alcuni impianti con fasci di binari muniti di segnale di partenza comune a più binari o nei binari ove è prevista la partenza di treni di particolare lunghezza con la testa del treno collocata oltre al segnale di partenza. La loro presenza è riportata nell'orario di servizio.  

 


Segnali INTEGRATIVI PER segnali di 1ª categoria o di avviso

Segnale indicatore di bivio/diramazione
Segnale indicatore di binario per stazioni telecomandate. Indica il numero di binario in cui ci si sta per immettere ed è posta, normalmente, nel retro del palo del segnale di partenza del binario.
È ANCHE POSTO A TERRA IN PRECEDENZA AGLI SCAMBI CHE POSSONO IMMETTERE IN UN BINARIO O NELL'ALTRO.
Segnale indicatore di zona con pericolo caduta massi protetta da apposito segnale (e segnale indicatore di fine zona di protezione).
Segnale posto nelle linee con blocco automatico telecomandate sul palo di un segnale di 1ª categoria di protezione (rivolto sia verso la stazione che verso la linea) o di partenza (rivolto verso la linea). Una volta acceso a luce bianca lampeggiante serve ad autorizzare l'ingresso o l'uscita dei mezzi d'opera in stazione o verso linea.  
Quando accesa a luce bianca fissa, autorizza l'avanzamento dei mezzi d'opera nelle linee AV/AC attrezzate con sistema ERTMS/ETCS L2.
Quando accesa a luce bianca fissa o lampeggiante, autorizza l'avanzamento di mezzi d'opera nelle linee AV/AC attrezzate con sistema ERTMS/ETCS L2 per il trasferimento veloce degli stessi.                         
Croce bianca posta sui segnali non in servizio.
Segnale di chiamata telefonica. Sussidiato da una suoneria, serve, qualora acceso a luce bianca, a far venire al telefono il personale di macchina o di scorta del treno fermo al segnale disposto a via impedita per comunicare con il Regolatore della Circolazione (DCO/DM)..

 

 

Altri segnali

Segnale indicante il punto di culmine di un tratto in forte pendenza. Serve per segnalare il punto di sgancio dell'eventuale locomotiva di rinforzo posta in coda e con dispositivi di sganciamento in corsa.
Segnale di progressiva chilometrica (p.es. km 110).   
Segnali di progressiva chilometrica per linee AV/AC in chilometri (numero superiore) ed ettometri (numero inferiore).
La freccia nera indica il binario a cui il segnale si riferisce, quella azzurra indica se la progressiva è in aumento o in diminuzione.
 
Segnali di progressiva chilometrica per linee AV/AC in chilometri (numero superiore) ed ettometri (numero inferiore).
La freccia nera indica il binario a cui il segnale si riferisce, quella azzurra indica se la progressiva è in aumento o in diminuzione.
Sono poste, in numero di tre ed equidistanti fra di loro, a cominciare da una distanza di 600 metri (massimo) prima di di un Posto di Esodo.
 
Tabelle indicatrici di binario "pari" o "dispari". Vengono poste in alcuni casi dopo un gruppo di scambi.
Tavola su linee normalmente chiuse al traffico indicante un ponte con particolari restrizioni di circolazione (limitazioni di velocità).
Tavola indicante una zona di ricovero per il personale nelle stazioni durante il movimento dei treni.
Tavola indicante la velocità massima nei depositi locomotive, raccordi industriali, scali di deposito, ecc.
Tavola indicante, nelle gallerie, il luogo di deposito delle torce a vento a luce bianca per l'illuminazione di emergenza.
Colorazione degli ostacoli (muri, piani caricatori, pali, ecc.) posti a distanza ridotta dal binario.
Banda bianca indicante la più vicina nicchia di ricovero nelle gallerie. La nicchia più vicina si trova seguendo la banda in senso discendente.
Segnala un punto particolare della linea (passaggio a livello, curva a scarsa visibilità, zone di manovra in stazione, ecc.) ove è necessario che il macchinista emetta un fischio con la locomotiva.
 
Dimensioni della tabella "F" (per i fermodellisti)
Segnalamento delle colonne idrauliche per locomotive a vapore.
(ove ancora esistenti)